Lo user centered design ed il valore per il cliente nello sviluppo agile

Tempo fa promisi una risposta ad un post di Alberto in cui lui esponeva parte di alcune nostre elucubrazioni sulla differenza fra ciò che vale per l’utente e ciò che vale per il cliente. Finalmente ho avuto il tempo di… disegnare i diagrammi! :)

In buona sostanza il diagramma che preferisco contrapporre a quello da lui pubblicato è questo

La peiorità delle user story in base al valore per il cliente e al rischio

Peraltro lo stesso Alberto in un altro suo post discute anche questo approccio.

Nelle metodologie agili, ed in particolare in Extreme Programming, si prende come obiettivo il valore realizzato per il cliente – inteso come colui che possiede il sistema finale e ne finanzia lo sviluppo, mentre nella disciplina dello user centred design i bisogni, le volontà e le limitazioni dell’utente finale sono poste al centro dell’intero processo di progettazione.

Mentre si potrebbe pensare in un primo momento che gli interessi dell’utente siano sempre coincidenti con gli interessi del cliente, che immaginiamo tutti puntare ad ottenere un pubblico soddisfatto, un’analisi più approfondita mostra immediatamente che le cose non sono così semplici. Esistono cioè casi in cui il cliente ha degli obiettivi diametralmente contrapposti alle esigenze dell’utenza del sistema. I sistemi di e-commerce sono spesso contraddistinti da questa contrapposizione, mentre le community online vedono un maggiore allineamento fra interessi del cliente e dell’utente.

Nel diagramma sopra quindi, benché il valore per l’utente di una feature non sia mai trascurabile per calcolarne il valore per il cliente, abbiamo una rappresentazione troppo semplicistica della realtà che, effettivamente, viene a galla in fase di assegnazione delle priorità delle user story.

Direi quindi che questo diagramma possa essere considerato più fedele al vero

Le priorità delle user story in base al valore per l'utente e al rischio su un piano ortogonale al precedente comunque indicato

Come si vede il valore utente, se considerato, deve esserlo in maniera in linea di principio indipendente dal valore per il cliente o cmq in correlazione controllata ovvero consapevole.

I due piani ortogonali e il diedro da essi individuato

Quanto le due metriche di valore siano correlate tra loro è quindi dato, in questa rappresentazione, dall’angolo formato dai due piani individuati: il primo che pone in relazione le priorità delle user story con il valore per il cliente, il secondo che pone in relazione le priorità delle user story con il valore per l’utente. Minore l’angolo formato dai due piani, maggiore la concordanza tra le due assegnazioni di valore e la conseguente corrispondenza di assegnazione di priorità.

Quindi, in relazione ulteriore, possiamo porre la coincidenza di interessi tra clienti e utenti

La intersezione utente-cliente delle features va massimizzata

e arrivare ad una morale conclusiva: se il design delle applicazioni ancora soffre troppo spesso di rigidità di processo, mentre le metodologie agili non forniscono veri e propri strumenti per la progettazione macroscopica delle stesse applicazioni, il vero sforzo da compiere nei prossimi anni è quello di far convergere i due mondi, individuando metodologie che sappiano da una parte accogliere il cambiamento senza waterfalliane eredità, dall’altra produrre e sostenere la vision di ogni progetto.

Come a dire: ok, con le user story sappiamo cosa farci, ma una metodologia di spessore per scriverle non sarebbe bello averla? Con Luca lo scambio a tal proposito è nel vivo…

November 14 2008 02:46 am | Esperti

3 Responses to “Lo user centered design ed il valore per il cliente nello sviluppo agile”

  1. Luca Mascaro on 14 Nov 2008 at 05:49 #

    Ti do un’ulteriore spunto, quando si parla di assi di valore e punti di intermediazione in UCD si parla spesso di due coppie di tre assi (in realtà tre coppie ma una è quella del project management time, scope, money) che sono:

    - utenti
    - contesto
    - contenuti

    dove si cerca di valorizzare al meglio l’utente in un contesto (a volte il contesto deve penalizzare l’utente come nei Social Network) con i contenuti che si hanno

    e poi

    - business
    - development
    - marketing

    dove si deve intermediare l’esigenza dell’obiettivo di business con tipicamente il timing to market del marketing e le risorse/possibilità di sviluppo date alla tecnica.

    poi con calma ti rispondo al resto :)

  2. AgileCamp2009: strategia, progettazione, design e metodologie agili | Sviluppo Agile on 19 Nov 2008 at 17:43 #

    [...] a me molto cari come lo user centred design, la definizione del valore del prodotto e – ovviamente – i metodi agili saranno discussi in un’unica sede, contribuendo forse al [...]

  3. Requirements rodeo | Sviluppo Agile on 22 Jan 2009 at 17:30 #

    [...] quando si parla di valore per l’utente, no? Hai presente quando senti uno sviluppatore lamentarsi del cliente poco lean, vero? Ti è [...]

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply