Lo sviluppo agile

Negli ultimi 20 anni le classiche metodologie di project management per lo sviluppo del software sono state riconosciute come inadatte a portare una percentuale sufficiente di progetti verso il completo successo.

L’ingegneria tradizionale, con le sue pratiche, non si è mostrata efficace nella produzione di software come con altri prodotti industriali.

Un processo di sviluppo agile, secondo il Manifesto per lo Sviluppo Agile di Software è tale se:

  • si focalizza sugli individui partecipanti al progetto e sulla loro interazione piuttosto che sui processi e gli strumenti
  • antepone il buon funzionamento del software alla produzione di documentazione esaustiva
  • si basa sulla collaborazione con il cliente piuttosto che sulla negoziazione di un contratto
  • offre una buona risposta ai cambiamenti piuttosto che limitarsi a seguire i piani

Nei primi anni di questo decennio i promotori di diverse metodologie di project management hanno riconosciuto reciprocamente la forte comunanza dei loro metodi e hanno così in senso lato indicato col termine agile tutte quelle metodologie di sviluppo che rivoluzionano i vecchi sistemi di ingegneria del software basati su una raccolta delle specifiche e su una strutturazione sequenziale dello sviluppo software.

Sono raggruppate quindi sotto questo nome metodologie come Extreme Programming, SCRUM, Feature Driven Development, DSDM, Crystal e Lean Software Development.

Questo sito si propone di accogliere il cambiamento e di promuovere la diffusione sulla scena italiana delle metodologie agili e di diventare un centro di diffusione della cultura agile volto all’adozione di queste pratiche nei progetti di sviluppo di qualunque scala.

April 27 2008 07:10 pm

5 Responses to “Lo sviluppo agile”

  1. Luigi Zambetti on 26 Jul 2010 at 14:30 #

    Purtroppo, malgrado l’evidenza dei miglioramenti che l’adozione delle metodologie agili apporterebbe al mondo dello sviluppo software, nella realtà italiana siamo ancora ben distanti dalla presa di conoscenza di tali pratiche, e restiamo sempre indietro rispetto al mondo anglosassone.

  2. Antonio Massone on 04 Aug 2011 at 14:10 #

    nella realta’ italiana c’e’ il pensiero, diffusissimo, di essere allineati allo stato dell’arte.
    Confondono il banale fatto che l’essere in perenne emergenza e in scrum ….. non significa affatto applicazione della metodologia di lavoro …..
    :-)

  3. Progettare collaborando: il metodo Agile | Dipendenze Digitali on 27 Jan 2015 at 11:55 #

    [...] http://www.sviluppoagile.it/lo-sviluppo-agile [...]

  4. Pratiche agili: come cambia il modo di lavorare di un team | Avanscoperta Blog on 07 Feb 2017 at 13:40 #

    [...] con le metodologie agili è nato con l’arrivo in 7Pixel. Appena arrivato (2009) ho scoperto alcune pratiche agili (pair programming, testing, CI, ecc…) ma la svolta è stata dopo pochi mesi quando grazie ad [...]

  5. Extera: la digital agency che lavora a iterazioni | Avanscoperta Blog on 23 Feb 2017 at 16:31 #

    [...] ricerca di nuovi metodi di gestione dei progetti, uno dei nostri ragazzi ha sentito parlare della metodologia agile. Dal materiale trovato online abbiamo dedotto che c’era qualcosa di utile in “quei metodi [...]

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply