Caos, osmosi e regressione: un’altra metafora per il test driven development

Intuisco anche una certa analogia fra il moto degli ioni attraverso una membrana osmotica da una soluzione ad un’altra e il percorso che le user story fanno dal loro concepimento al loro compimento.

Anche gli ioni in una soluzione, in condizioni normali, si muovono per la sola agitazione termica e quindi anche il loro moto è browniano, all’insegna cioè della caoticità più radicale.

L’osmosi è quel fenomeno che consiste nel movimento di diffusione di due liquidi miscibili di diversa concentrazione, una membrana, semipermeabile o permeabile ai due mezzi. È un fenomeno molto importante e studiatissimo in biologia e perfino due metodi di conservazione dei cibi con cui tutti noi abbiamo a che fare ogni giorno sfruttano l’effetto osmotico: la salatura e la salamoia.

Anche in questo caso quindi con i test automatici ed il test driven development possiamo immaginare di porre una membrana semipermeabile tra due soluzioni di user story: quelle da fare e quelle fatte. Le storie così, nel loro moto comunque caotico, diffondono in maniera non reversibile verso lo stato di completamento e vengono messe al riparo da regressioni per sempre.

Sì sì, ho scritto per sempre. :)

April 29 2008 05:34 pm | Termodinamica

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply