Caos, diodi e regressione: una metafora per il test driven development

Intuisco una certa analogia fra il moto degli elettroni in un conduttore elettrico e il percorso che le user story fanno dalla loro scrittura al loro completamento.

Gli elettroni, se non è applicato un campo elettrico, si muovono per la sola agitazione termica e quindi il loro moto ubbidisce alle leggi della statistica e al principio di equipartizione dell’energia, secondo il cosiddetto moto browniano. Se applichiamo un campo elettrico il moto delle particelle resta caotico e non diventa affatto uniforme e rettilineo, ma la somma dei moti caotici presenta una deriva che costituisce per sé la corrente elettrica.

L’implementazione delle user story è soggetta, nostro malgrado, ad una certa caoticità di moto: scritta la storia il percorso alla completa realizzazione della feature descritta non è mai senza regressioni e, addirittura, per certi versi il destino di una user story non è mai certo, perchè la sua corretta implementazione può essere corrotta, dopo anche molti mesi, dall’integrazione nel nostro sistema di nuove storie.

I test automatici – come li conosciamo nel test driven development – danno a questo moto caotico un punto di soglia, di non ritorno. Una storia chiusa in un test non può più tornare indietro, perlomeno per gli aspetti caratterizzanti che ne abbiamo voluto testare. Come se lungo il conduttore in cui scorre una corrente elettrica avessimo installato un diodo, senza certo impedire agli elettroni di vagabondare in ogni direzione possibile all’interno del conduttore a livello locale, ma allo stesso tempo assicurandoci che ad un livello più globale la corrente scorra solo nella direzione voluta.

Le nostre user story, con l’applicazione rigorosa del test driven development, rimangono così naturalmente caotiche, ma soggette ad andare dalla scrittura all’implementazione certa senza regressioni impreviste.

April 25 2008 02:53 pm | Termodinamica

One Response to “Caos, diodi e regressione: una metafora per il test driven development”

  1. Dei dubbi, delle certezze, della crisi e della crescita. | Sviluppo Agile on 08 Dec 2010 at 15:41 #

    [...] fondamentali nel 1905: uno sulla relatività, uno sull’effetto fotoelettrico e uno sul moto browniano. Secondo te per quale delle tre teorie gli è stato conferito il premio [...]

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply